Malattia pneumococcica e vaccino antipneumococcico

La malattia

Lo Streptococcus pneumoniae (o Pneumococco) è un batterio molto diffuso che può essere presente nella gola e nel naso di bambini e adulti sani senza dare alcun segno di sé (ciò accade nel 40-60% dei bambini). Esistono circa 90 tipi diversi (sierotipi) di questo germe e alcuni di questi, di solito, sono chiamati in causa più frequentemente quando capita che, per abbassamento delle difese immunitarie dell’individuo, il germe provochi una patologia generalizzata (malattia “invasiva”).

In età pediatrica il Pneumococco può dare infezioni invasive (meningite e un’infezione sistemica) oppure localizzate (otite media acuta, sinusite, polmonite). Il bambino, soprattutto nei primi 2-3 anni di vita, risulta maggiormente esposto a tale infezione perché incapace di rispondere adeguatamente ad antigeni di natura polisaccaridica propri del germe.

Questo batterio è una delle principali cause di sepsi e di meningite. Secondo i dati resi pubblici dal nostro Ministero della Salute, ogni anno in Italia si verificano 30-40 casi di meningite da Pneumococco ogni 100.000 bambini di età inferiore a 5 anni. Le fasce di età a maggior rischio di malattia “invasiva” sono, in ordine decrescente di frequenza, gli adulti di 25-64 anni (circa 100 casi/anno), gli anziani sopra i 64 anni (circa 65 casi/anno) e i bambini di 0-4 anni (circa 37 casi/anno).

 

Il vaccino

Esistono due tipi di vaccini ed entrambi sono composti solo da alcune parti del microrganismo e sono definiti multivalenti perché proteggono verso più sierotipi di Pneumococco:

– il vecchio vaccino antipneumococcico polisaccaridico (23-valente), che si somministra in dose singola per via intramuscolare o sottocutanea;

– il nuovo vaccino antipneumococcico coniugato (7-valente o eptavalente) che si somministra per via intramuscolare e il cui numero di inoculazioni varia in base all’età di inizio del ciclo vaccinale.

La vecchia vaccinazione preparata dai polisaccaridi capsulari di 23 tipi di Streptococcus pneumoniae poteva essere eseguita in tutti coloro che avevano più di 2 anni di vita. In particolare, veniva raccomandata agli anziani e a quanti erano ad alto rischio di ammalarsi di infezione pneumococcica (per esempio soggetti immunodepressi o affetti da sindrome nefrosica, asplenia o anemia falciforme).

Il nuovo vaccino coniugato contiene 7 sierotipi del batterio (4, 6B, 9V, 14, 18C, 19F e 23F) ed è destinato ai bambini molto piccoli, poiché il precedente vaccino con 23 sierotipi non era efficace in quella fascia di età.

Lo schema di vaccinazione pediatrica che viene proposto è il seguente:

– bambini da 3 a 6 mesi: vaccino antipneumococcico coniugato (4 dosi: 3 dosi con un intervallo di almeno un mese e con la prima dose somministrata generalmente al terzo mese di vita; una quarta dose è raccomandata durante il secondo anno di vita);

– bambini di 7-11 mesi: vaccino antipneumococcico coniugato (3 dosi: 2 dosi con un intervallo di almeno un mese; la terza dose è raccomandata durante il secondo anno di vita);

– bambini di 12-23 mesi: vaccino antipneumococcico coniugato (2 dosi con un intervallo di almeno due mesi);

– bambini sopra i 2 anni: vaccino antipneumococcico polisaccaridico (1 sola dose ad almeno 8 settimane dall’ultima dose del vaccino coniugato).

Nei 5 anni dalla prima vaccinazione con il vaccino polisaccaridico, sempre nei soggetti per i quali persistono le condizioni di alto rischio di infezione da Pneumococco, viene consigliata una rivaccinazione.

Dallo schema proposto si vede che tanto più il bambino è piccolo, tanto più numerose devono essere le dosi di vaccino a causa dell’immaturità del sistema immunitario neonatale che non è in grado di rispondere con una adeguata produzione anticorpale.

Riguardo all’uso recente e apparentemente sempre più diffuso del nuovo vaccino coniugato eptavalente, va raccomandata la massima prudenza, anche se nella pratica si assiste ad una somministrazione su vasta scala, come spiega un epidemiologo:

“Non è sensato somministrare milioni di dosi con una situazione che vede solo pochissimi bambini all’anno in Italia danneggiati dalla malattia. In sanità pubblica occorre scegliere gli interventi di massa sulla base del beneficio che questi possono portare in termini di salvaguardia di vite umane e di miglioramento della qualità della vita e una vaccinazione di massa contro il Pneumococco non soddisfa questi requisiti. Inoltre, se ci dovessero essere effetti indesiderati rari emergerebbero somministrando il vaccino su larga scala. Non siamo in grado di fare un bilancio approfondito tra rischi e benefici. Il nuovo vaccino contro il Pneumococco è stato studiato su misura per i sierotipi di Pneumococco isolati negli Stati Uniti, mentre in Italia i sierotipi presenti non sono ancora noti. Quindi, c’è la possibilità che il vaccino non sia nemmeno molto efficace per la nostra realtà. Inoltre, negli USA l’incidenza della malattia è maggiore rispetto all’incidenza bassissima che c’è nel nostro Paese”.

Secondo i dati del Ministero della Salute, il vaccino polisaccaridico (che viene usato prevalentemente nei bambini con età maggiore dei 2 anni o comunque negli adulti e anziani) appare efficace nella prevenzione della sepsi pneumococcica con percentuali che vanno dal 30% al 47% (in adulti e in anziani); inoltre, l’efficacia della vaccinazione diminuisce con l’aumento dell’età del paziente e del tempo dalla vaccinazione. Anche la vaccinazione con il vaccino eptavalente coniugato pare abbia una efficacia protettiva verso l’infezione pneumococcica infantile molto scarsa: si pensa che sia del 30%, ma secondo alcuni Autori in bambini sotto i 2 anni di vita pare che sia anche meno del 30%.. Ovviamente queste percentuali di copertura si riferiscono alla effectiveness del vaccino, perché c’è una marcata differenza tra efficacia teorica (cioè laboratoristica, che in inglese viene definita come efficacy) di una vaccinazione e che corrisponde alla valutazione dell’aumento del titolo anticorpale fino al range considerato teoricamente protettivo e l’efficacia reale (in inglese definita come effectiveness) che si riscontra nella pratica clinica e che corrisponde alla misurazione della reale riduzione dei casi di patologia verso cui è stato usato un vaccino. L’efficacia teorica del vaccino eptavalente coniugato che si usa nei bambini sotto i 2 anni di vita, invece, sembra avere una efficacia teorica (efficacy) del 93-97% contro i sierotipi contenuti nel vaccino. …

Il nostro Ministero della Salute raccomanda questa vaccinazione nei soggetti considerati ad alto rischio di avere malattie gravi da Pneumococco, perché affetti da: anemia falciforme, talassemia, asplenia funzionale e anatomica (cioè insufficiente funzionalità o reale mancanza della milza), broncopneumopatie croniche, immunodepressione, cardiopatie croniche, insufficienza renale, diabete mellito, epatopatie croniche, perdita di liquido cerebrospinale.

 

Gava Roberto

(Tratto dal libro: Gava R. Le Vaccinazioni Pediatriche. Revisione delle conoscenze scientifiche. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 3a ed., 2010)


Informazioni su Roberto Gava

Il Dr. Roberto Gava si è laureato in Medicina all'Università di Padova, si è specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica, per poi perfezionarsi in Agopuntura Cinese e Omeopatia Classica.

Dopo dieci anni di lavoro in ambiente universitario ed essere stato autore di libri di Farmacologia e di più di un centinaio di pubblicazioni scientifiche, da una quindicina di anni sta cercando di studiare gli approcci medici non convenzionali, rivedendoli anche alla luce delle attuali conoscenze scientifiche, essendosi convinto che il medico deve aprirsi a molte tecniche terapeutiche scegliendo di volta in volta per il suo paziente quella che è più appropriata.