Tetano e vaccino Antitetanico

La malattia

Il tetano è una malattia batterica non contagiosa. Ogni anno nel nostro Paese vengono registrati circa un centinaio di casi di tetano tra gli adulti, mentre nei bambini (anche quelli non vaccinati) l’infezione è praticamente scomparsa già da qualche anno (pare che i bambini, rispetto gli adulti, abbiano una certa protezione contro il tetano).


Il tetano è una malattia infettiva acuta … causata da una tossina neurotropa prodotta durante la proliferazione del Clostridium tetani.
Il Clostridium tetani è un batterio sporigeno anaerobio obbligato e tipicamente non invasivo; l’infezione sostenuta da questo germe rimane quindi localizzata nel punto in cui le spore, penetrate nei tessuti in seguito a lesioni di continuo contaminate da detriti o materiale terroso (che però deve ovviamente contenere le spore stesse), germinano dando luogo alle forme vegetative del batterio stesso.
Le sorgenti dell’infezione sono rappresentate da alcuni animali (bovini, ovini e specialmente equini) e dall’uomo stesso. Tanto negli animali che nell’uomo, le spore tetaniche sopravvivono nell’intestino senza produrre danni e vengono eliminate con le feci.
Il periodo di incubazione può variare da 3 a 21 giorni, ma è mediamente di una decina di giorni e la sua durata è condizionata dal tipo, dall’estensione e dalla localizzazione della ferita. Solitamente, la gravità della malattia è inversamente proporzionale alla lunghezza del periodo di incubazione.
I bacilli del tetano sopravvivono a lungo grazie alla formazione di spore e si moltiplicano solo in condizioni anaerobiche, cioè senza ossigeno. Quindi, in caso di ferite sanguinanti non c’è il rischio di contrarre il tetano. …
La sintomatologia clinica è provocata anche da piccolissime quantità di tossina, insufficienti, generalmente, ad indurre una risposta anticorpale da parte dell’organismo. Pertanto, alla guarigione dal tetano difficilmente segue un’immunità nei confronti di ulteriori infezioni e quella stessa persona può riammalarsi. …
In Italia, grazie alle misure igieniche, all’attenzione posta dalla gente e sicuramente anche alle misure di immunoprofilassi, questa malattia è rara. La sua mortalità, comunque, non è irrilevante, perché varia dal 20% al 39% (quasi sempre causata dal fatto che il ferito non pone sufficiente attenzione alla ferita subita, …). La mortalità è risultata 135 volte maggiore nei Paesi in via di sviluppo rispetto i Paesi industrializzati a causa delle scarse condizioni igieniche.

Il vaccino

Il vaccino del tetano è costituito dall’anatossina tetanica inattivata con formaldeide e adsorbita su idrossido o fosfato di alluminio. Analogamente al vaccino antidifterico, anche quello antitetanico contiene un sale di mercurio (thimerosal) aggiunto come conservante.
Tra gli effetti indesiderati più gravi causati dal vaccino, vengono segnalati casi di shock anafilattico, neuropatia periferica paralitica e gravi reazioni di necrolisi epidermica. Per tali motivi, la continuazione della vaccinazione è controindicata in soggetti con storia di reazione neurologica o da ipersensibilità dopo la prima dose o dopo un richiamo.
Nel neonato, il vaccino viene somministrato in 3 dosi (di solito insieme a quello antidifterico) ai tempi 0, dopo 6-8 settimane e dopo altri 6-12 mesi. Dato che l’immunità dura almeno 10 anni (secondo alcuni Autori è anche superiore), il primo richiamo successivo alla 3a dose va somministrato dopo 10 anni e può essere ripetuto con questo intervallo per tutta la vita.
Come viene fatto anche per il vaccino antidifterico, la quantità di anatossina antitetanica pediatrica contenuta nel vaccino è più elevata di quella contenuta nel vaccino dell’adulto: …
Un dato significativo che sta emergendo in questi ultimi anni è il riscontro ematochimico della presenza di un significativo titolo anticorpale (in quantità sufficiente per dare una protezione immunitaria contro il tetano) anche in bambini o adulti che non sono mai stati vaccinati. …
Un altro dato importante viene espresso da uno studio condotto nel 1992 dove si dimostra che 3 gravi casi di tetano (uno di questi purtroppo è stato anche mortale) si sono manifestati in 3 soggetti che avevano regolarmente ricevuto il vaccino antitetanico e che avevano addirittura elevati titoli anticorpali. Uno di questi pazienti era stato addirittura iperimmunizzato per fargli produrre produrre immunoglobuline tetaniche commerciali. Due pazienti avevano ricevuto le vaccinazioni un anno prima della comparsa della malattia. …

Dr. Roberto Gava
(Tratto dai libri:
Gava R. Le Vaccinazioni Pediatriche. Revisione delle conoscenze scientifiche. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 3a ed., 2010.
Gava R., Serravalle E. Vaccinare contro il Tetano? Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2010)

Informazioni su Roberto Gava

Il Dr. Roberto Gava si è laureato in Medicina all'Università di Padova, si è specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica, per poi perfezionarsi in Agopuntura Cinese e Omeopatia Classica.

Dopo dieci anni di lavoro in ambiente universitario ed essere stato autore di libri di Farmacologia e di più di un centinaio di pubblicazioni scientifiche, da una quindicina di anni sta cercando di studiare gli approcci medici non convenzionali, rivedendoli anche alla luce delle attuali conoscenze scientifiche, essendosi convinto che il medico deve aprirsi a molte tecniche terapeutiche scegliendo di volta in volta per il suo paziente quella che è più appropriata.