CENSIMENTO NAZIONALE DEI DANNI DA VACCINI

I Servizi delle ASL predisposti alle vaccinazioni sono soliti assicurare che i vaccini non causano alcun effetto indesiderato importante e, se ciò accade, è un evento eccezionale. Quindi, ci viene chiesto di vaccinare i nostri figli garantendoci che i vaccini sono utili, necessari e innocui. Però i vaccini sono farmaci e sappiamo che non esistono farmaci senza effetti indesiderati.

In Italia, le vaccinazioni obbligatorie per Legge sono 4 (vaccini contro difterite, tetano, poliomielite ed epatite B), ma vengono somministrati, senza alcuna spiegazione, inizialmente 7 vaccini (quelli precedenti, più i vaccini contro pertosse, emofilo B e pneumococco), poi altri 5 (vaccini contro morbillo, parotite, rosolia, meningococco C e varicella) e annualmente viene caldamente proposto spesso anche quello contro l’influenza. In tutto, vengono fatti passare implicitamente come obbligatori e inoculati, circa 25 antigeni vaccinali (compresi i richiami) nei primi 15 mesi di vita del bambino.

I genitori sono invitati a firmare il consenso “informato” prima di vaccinare i loro figli, ma non sono assolutamente informati dei possibili danni vaccinali se non in modo superficiale e rapido. Inoltre, se chiedono che il medico vaccinatore firmi lui stesso un documento in cui dichiara quello che assicura a voce, e cioè che il vaccino non recherà alcun danno al bambino, si rifiuterà categoricamente di firmare. Quello che è peggio, è che lo stesso Ministero della Salute non dispone di dati nazionali sulla reale incidenza annua dei danni da vaccinazione.

Eppure, i medici che si interessano di questo problema ricevono innumerevoli richieste di intervento nei riguardi di svariati effetti indesiderati, alcuni lievi e altri gravissimi, alcuni di breve durata e altri irreversibili, che fanno pensare che questo problema sia tutt’altro che eccezionale. Inoltre, sono sempre più numerose le domande di indennizzo che i medici legali di questo settore ricevono da genitori convinti che i vaccini eseguiti abbiano gravemente danneggiato loro figlio.

Tutti i genitori che ci contattano a causa di un danno vaccinale affermano che prima di allora non sapevano assolutamente nulla del rischio che correvano con la vaccinazione, perché il consenso che essi stessi hanno dato all’atto della vaccinazione ero un consenso ben poco “informato“.

Infine, sappiamo anche che la maggior parte dei genitori riferisce di aver avvisato il proprio medico di fiducia dell’evento avverso, ma di non essere stati né considerati né creduti ed è pertanto palese che in questi casi il danno vaccinale non venga segnalato agli organi di Farmacovigilanza competenti. Cogliamo l’occasione per ricordare al Lettore che esiste una scheda che deve essere compilata da tutti i cittadini in caso di reazioni al vaccino. La scheda va scaricata dal seguente sito dell’AIFA: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/modalit%C3%A0-di-segnalazione-delle-sospette-reazioni-avverse-ai-medicinali.

Oltre alla compilazione della scheda AIFA (che però invitiamo nuovamente tutti a compilare anche se il danno/disturbo vaccinale è avvenuto in passato), data la grave carenza di raccolta dati che esiste nel nostro Paese diversamente da quanto accade negli altri Stati, abbiamo pensato di contribuire anche noi nel far conoscere ai genitori questo loro dovere di segnalare i danni vaccinali e nello stesso tempo noi stessi desideriamo conoscere la realtà italiana su questa piaga che affligge talvolta gravemente alcune famiglie, perché pensiamo che non possiamo continuare a vaccinare i nostri figli senza sapere quanto questo trattamento sia dannoso!

Pertanto, abbiamo pensato di organizzare un semplice ma capillare Censimento Nazionale dei Danni da Vaccini in modo da poter rendere noti, alle Autorità Sanitarie e anche ai genitori stessi, i dati sull’entità di questo grave problema che minaccia la salute di molti nostri figli.

Il CoRIV (Coordinamento per la Ricerca e l’Informazione sulle Vaccinazioni) chiede pertanto a tutti i genitori, a tutti coloro che hanno un familiare che è stato colpito da un danno vaccinale e a tutte le Associazioni sensibili a questo problema, di compilare la scheda seguente.

La scheda va compilata non solo da coloro che hanno un familiare attualmente danneggiato da una vaccinazione, ma anche nel caso un loro familiare sia stato danneggiato o anche solo disturbato in precedenza e ora è guarito o, disgraziatamente, deceduto.

QUALI SONO I DANNI O DISTURBI VACCINALI CHE DESIDERIAMO CENSIRE?

Vogliamo conoscere tutti i danni o disturbi vaccinali, sia quelli recenti sia quelli accaduti molti anni fa.

Non desideriamo raccogliere solo i danni vaccinali gravi, ma anche quelli lievi, passeggeri e/o localizzati, perché gli studi scientifici eseguiti su questo settore raccolgono tutte le reazioni avverse causate da una vaccinazione.

Non ci interessano solo i danni vaccinali riconosciuti dal pediatra o dall’ASL, ma, oltre a questi, anche tutti i disturbi che i genitori hanno attribuito al vaccino o comunque che sono insorti in conseguenza della vaccinazione: da poche ore dopo, a molti giorni dopo (a tale scopo, per cercare di non attribuire ai vaccini disturbi o danni impropri, consigliamo di leggere la tabella B finale: Guida all’individuazione di un danno da vaccino).

Non ci interessano solo i disturbi o danni organici veri e propri, ma anche i disturbi caratteriali o del sonno o dei ritmi di vita che sono insorti dopo la vaccinazione.

La scheda richiede pochi minuti per essere compilata e diventerà uno strumento molto chiarificatore per sensibilizzare la gente e le Autorità competenti sul grave problema dei danni da vaccino.

Anche se per alcuni può sembrare superfluo, ricordiamo che …

  • I dati sono coperti dalla privacy e rimangano esclusivamente sotto la responsabilità del CoRIV (www.coriv.org); di quanto riceveremo verranno diffusi solo i dati riassuntivi complessivi, garantendo quindi la riservatezza e la segretezza di ciò che riguarda le singole persone.
  • I dati verranno elaborati statisticamente.
  • I genitori sono responsabili di quanto scrivono e quindi raccomandiamo una particolare accuratezza affinché i dati forniti siano conformi alla verità.
  • I dati dei genitori sono necessari per eventuali richieste di chiarificazioni e alla fine per avvisarli dell’esito di questa indagine.
  • È necessario compilare una scheda per ogni bambino e, nel caso uno stesso bambino abbia avuto danni da vaccini diversi o da richiami dello stesso vaccino, è necessario compilare una scheda per ogni vaccinazione imputata.

Grazie

Lo staff scientifico e le Associazioni del CoRIV

 

 

  • DATI DEL GENITORE

  • DATI DEL BAMBINO

  •   MASCHIO
      FEMMINA
  •   SI
      NO
  •   SI
      NO
  • DATI SULLA GRAVIDANZA

  • INFORMAZIONI DI TIPO AMBIENTALE

  • DANNI CAUSATI DALLE VACCINAZIONI

  •   SI
      NO
  •   LIEVE
      MODERATA
      GRAVE
      MORTALE
  •   SI
      NO
  •   FISICO
      PSICHICO
  •   SI
      NO
  •   SI
      NO
  •   SI
      NO
  •   SI
      NO
  • CONSENSO AL TRATTAMENTI DEI DATI

  • Acconsento alla conservazione e al trattamento dei suddetti dati personali ai soli fini dello svolgimento di studi osservazionali retrospettivi (studi caso-controllo) in base anche alle linee-guida AIFA (“Linea guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui fa rmaci”) pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n°76 il 31 marzo 2008 (http://www.medidata.it/aifa.asp).
  •   CONSENTO
      NON CONSENTO

 

 

INFORMAZIONI UTILI ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

 

A – ABBREVIAZIONI E SIGLE DEI VACCINI DISPONIBILI NEL NOSTRO PAESE
ESA Esavalente
PNEU Antipneumococcico
MPR Antimorbilloso-Antiparotitico-Antirosolia
MEN Antimeningococcico di tipo C
VAR Antivaricella
DT Antidifterico-Antitetanico
DTP Antidifterico-Antitetanico-Antipertossico
HAV Antiepatite A
HBV Antiepatite B
HPV Antipapillomavirus
INF Antinfluenzale
POL-OR Antipoliomielitico orale di Sabin
POL-SA Antipoliomielitico Salk
BCG Antitubercolare
ESER Vaccini eseguiti durante il servizio militare
(I), (II), (III), (IV) o (V) Contraddistingue rispettivamente il primo, secondo, terzo, quarto o quinto inoculo di un medesimo vaccino

 

B – GUIDA ALL’INDIVIDUAZIONE DI UN DANNO DA VACCINO 

(i tempi di comparsa sono solo indicativi ed estremamente variabili, perché dipendono dalle caratteristiche personali: condizioni materne durante la gravidanza, predisposizione genetica, carenze nutrizionali, condizioni di igiene di vita, stress familiari, malattie concomitanti, trattamenti farmacologici o chirurgici, ecc.)

Descrizione Possibili tempi di comparsa dopo la vaccinazione
Danno nel punto di inoculazione: dolore, rossore, infiammazione 0-24 ore
Malessere generale: stanchezza, mancanza di fame, nausea, debolezza, cefalea 1-3 giorni
Disturbi cerebrali lievi: nervosismo, irritabilità, insonnia, vertigini 1-3 giorni
Sintomi infiammatori generali: febbre, dolori muscolari, freddo, caldo, cefalea 1-7 giorni
Patologie delle prime vie respiratorie: otite, tonsillite, faringite, raffreddore, sinusite, laringite, tracheite 2-15 giorni
Patologie dermatologiche 3-30 giorni
Patologie neurologiche periferiche: nevriti, paresi, paralisi periferiche (Guillain-Barré) 5-30 giorni
Patologie broncopolmonari: bronchite, polmonite, asma 5-30 giorni
Patologie addominali lievi: gastrite, nausea, vomito, diarrea, colite, meteorismo 5-30 giorni
Patologie addominali importanti: ulcera gastroduodenale, epatite, pancreatite, colite ulcerosa ecc. 5-60 giorni
Patologie cardiovascolari: aritmie, extrasistoli, ipertensione arteriosa, ecc. 5-60 giorni
Patologie urologiche: cistite, uretrite, incontinenza urinaria, ecc. 5-60 giorni
Patologie genitali: leucorrea, infiammazioni degli organi pelvici, ecc. 5-60 giorni
Patologie cerebrali (1): meningite, encefalite 5-60 giorni
Patologie metaboliche (1): diabete mellito tipo 1 15-60 giorni
Patologie muscolo-scheletriche 15-90 giorni
Patologie endocrine: di ipofisi, tiroide, surreni, ovaie, testicoli 15-90 giorni
Patologie ematologiche 0,5-6 mesi
Patologie metaboliche (2): diabete mellito tipo 2 1-6 mesi
Patologie metaboliche (3): dislipidemie e altre patologie metaboliche 1-6 mesi
Patologie autoimmunitarie 1-6 mesi
Patologie cerebrali (2): regressione delle abilità acquisite 1-6 mesi
Patologie cerebrali (3): convulsioni, epilessia 0,5-2 anni
Patologie cerebrali (4): encefalopatia, paresi e paralisi 0,5-2 anni
Ritardo dello sviluppo pediatrico 0,5-3 anni
Patologie degli organi e di senso: udito, vista, olfatto, gusto, tatto 0,5-3 anni
Patologie cerebrali (5): malattie demielinizzanti (sclerosi multipla) 1-3 anni
Patologie cerebrali (6): ADHD, ipercinesia, dislessia e altri disturbi comportamentali 1-3 anni
Patologie cerebrali (7): sindrome autistica 1-3 anni
Cancro di qualsiasi tipo 1-5 anni

Informazioni su Coriv

Il CoRIV è il Coordinamento per la Ricerca e l’Informazione sulle Vaccinazioni.
E' il punto di riferimento informativo per tutti quei genitori che nutrono dei dubbi sull’efficacia e sulla sicurezza delle attuali vaccinazioni pediatriche di massa.

Noi intendiamo questo lavoro come un servizio che vogliamo gestire in modo libero e gratuito allo scopo di offrire un primo e immediato intervento specialistico al dramma silenzioso e dimenticato dei danneggiati da vaccini, con la speranza, ma anche con la certezza, che quanto prima gli organi competenti del Servizio Sanitario Nazionale intervengano, come è loro prassi e dovere, nella cura ma anche nella prevenzione di questa grave e assurda piaga della nostra Medicina Moderna.

Per contattarci: info@coriv.org